post della settimana

LIBRI E PRODOTTI BIO: VAI SUL BANNER E AGGIUNGI LA PAGINA AI TUOI PREFERITI

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

mercoledì 15 febbraio 2012

PEACEFUL WARRIOR


La Via del Guerriero di PaceDa non perdere
Ecco un bellissimo film sul QUI E ORA!
Consigliatissimo!





Tratto dal libro di Dan Millman "La via del guerriero di pace"

La Via del Guerriero di PaceDa non perdere


Share |

2 commenti:

Roberto ha detto...

Ho visto il film seguendo il tuo consiglio e, avendo già un discreta frequentazione con le tematiche del qui ed ora, l'ho trovato per il 99% carino anche se didascalico, nel senso che (a differenza di quanto afferma nel film Nick Nolte) mi sembra evidente la volontà di spiegare e insegnare, mentre penso che quando si vuole raccontare una storia, al cinema come in un romanzo, il messaggio dovrebbe rimanere implicito e lasciato allo spettatore il compito di estrinsecarlo in base alla propria esperienza e sensibilità. Però... però... però... l'1% finale è stato per me una vera rivelazione: perché io avevo sempre inteso (e a volte trovato esplicitamente espresso o spiegato) il qui ed ora come "tutto quello che hai è questo momento". Invece, il messaggio di questo film è un altro ed è: "tutto quello che sei è questo momento". È incredibile come una sola parola possa stravolgere e capovolgere il senso del discorso: perché se dici "tutto quello che HAI è questo momento", ancora interpreti te stesso come qualcosa di separato da questo momento e quindi con una sua esistenza autonoma al di fuori di questo momento e quindi con un passato ed un futuro. Se invece dici: "tutto quello che SEI è questo momento" ecco che magicamente passato e futuro scompaiono da soli, non devi più sforzarti di credere che non esistono, semplicemente perché al di fuori di questo momento tu stesso non esisti e i ricordi del passato come le previsioni del futuro (così come le proiezioni di noi stessi in altre situazioni o condizioni o luoghi del presente diversi da quelli in cui concretamente esistiamo) appaiono per quello che sono: dei sogni prodotti dalla nostra immaginazione. Ora, è chiaro che quell'1% di rivelazione finale non potrebbe esistere senza il precedente 99% didascalico, per cui vale la pena davvero vedersi questo film per intero fino alla fine: senza l'ostrica non si può avere una perla e la sua bellezza ti fa apprezzare anche la bellezza del guscio che l'ha prodotta e la contiene.

Alberto ha detto...

Ciao Roberto! sul fatto che sia didascalico hai ragione ma credo sia una scelta voluta del regista. La non-filosofia del qui e ora (come mi piace chiamarla) è spesso fraintesa e servono messaggi espliciti (purtroppo) affinchè non si confonda il qui e ora con accettazione inerte! e credo che un film basato sulla vita di uno sportivo possa servire in tal senso. Sul messaggio finale condivido: ESSERE QUI E ORA.

I 3 Top Post del Mese

SEGUICI VIA MAIL

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...